Iscriviti alla newsletter!

Rimarrai sempre aggiornato sulle nuove produzioni, le iniziative, le visite guidate e TUTTE LE PROMOZIONI!

Puntofermo affinato in legno di rovere – Bonarda dell’Oltrepò Pavese DOC

Vino dalla struttura notevole, adatto ad un invecchiamento anche di lunga durata.
Il suo profumo è complesso, fruttato e garbatamente vanigliato, con note di piccola pasticceria, mentre al palato si percepiscono corpo e rotondità, finezza ed armonia.
Nessun dubbio che si abbini alla perfezione con la selvaggina, e senz’altro con i formaggi a media e lunga stagionatura

La ricerca della qualità è iniziata già in campagna, con la selezione dei vigneti migliori, nei quali è stata effettuata la potatura corta ed una concimazione estremamente parca, oltre all’inerbimento interfila e sottofilare per contenere la produzione. Una estirpatura invernale ed una trinciatura estiva hanno completato il processo.
La produzione di uva per ettaro è stata di circa 85 quintali. Di fondamentale importanza il diradamento, con l’eliminazione dei grappoli meno promettenti in pre-vendemmia, e la successiva vendemmia completamente manuale.

Il Puntofermo, da uve Croatina in purezza ed affinato in legno di rovere, ha vissuto nelle prime fasi di lavorazione un processo sostanzialmente identico al Puntofermo “classico” affinato in vasca; ha però subìto il trasferimento in piccoli carati di legno di rovere francese a media tostatura, di plurimo passaggio, dove è avvenuta la fermentazione malolattica, intorno alla metà del mese di novembre.

Notevole è la struttura di questo vino, adatto ad un invecchiamento anche di lunga durata.
Il suo profumo è complesso, fruttato e garbatamente vanigliato, con note di piccola pasticceria, mentre al palato si percepiscono corpo e rotondità, finezza ed armonia.
Nessun dubbio che si abbini alla perfezione con la selvaggina, e senz’altro con i formaggi a media e lunga stagionatura